Il Giardino lapidario

Il giardino lapidario prosegue verso Est con uno spazio stretto e abbastanza soleggiato in cui vi sono ancora dei muretti e piccole piantagioni in terreno secco. Ruderi frammisti ad apparecchiature di pietra provenienti dalla demolizione della cappella e dallo sventramento della volta del coro, gli danno l'aspetto di un deposito lapidario. La luce cruda e il sole a mezzogiorno ricordano il «monte degli ulivi», immagine rafforzata dalla grande prospettiva sulle mura del Forte Saint André. Poiché il giardino fu allestito all’estremità della navata danneggiata e vicino alla tomba di Innocenzo VI, furono scelti vegetali emblematici quali ulivi, coronille e piante con fioritura gialla e bianca.

Nel 2014, il giardino lapidario ha accolto i peri  Marquise e Crassane,  due delle tredici varietà di meli e di peri discendenti dalle collezioni di alberi da frutta dei monaci certosini.