Il giardino del sotto sagrestano

Durante il periodo monastico, questo giardino era scisso in due giardini privati corrispondenti rispettivamente alle due celle dei sottosagrestani.

Oggi, i ruderi del muretto centrale delimitano la superficie di questi due antichi giardini dei monaci certosini, mentre una siepe di cipressi li isola dal grande chiostro del cimitero.

Nel 2009, nell’ambito della mostra "Didascalie per le Certosa", un’installazione dell’artista plastico paesaggista Henri Olivier ha riempito questo spazio. È composta da un leggio e da un banco disposti sui ruderi del muro (opera commissionata dal settore pubblico).

Nel 2014, il giardino del sottosacrestano ha accolto il pero  Imperiale a foglia di quercia, una delle tredici varietà di meli e di peri discendenti dalle collezioni di alberi da frutta dei monaci certosini.